Tornei di Texas Hold’em poker online e dal vivo

I tornei di poker sono l’invenzione dell’ ultimo secolo, una maniera nuova di sentire il poker, di mettersi in gioco e sperimentare le proprie abilità. I tornei di poker online hanno un po’ modificato quello che era il vecchio gioco del Texas Holdem allargando le potenzialità di vincita a tutti indipendentemente che si abbia un gruzzolo copioso di denaro o meno.
Per maggiori informazioni sul gioco del poker in rete potete trovare online consigli e guide sul poker dove troverete tutte le informazioni e le offerte migliori per iniziare a giocare in totale sicurezza e legalità.

Nei giochi cash ogni giocatore ha la possibilità di giocare tutto il tempo che vuole con le fiche che ha a disposizione e se perde può sempre comprarne altre e giocare su un altro tavolo cash, con il rischio però che incontri una persona veramente ricca che sia disposta a rilanciare anche tantissimo (conseguenza per la quale il giocatore con meno denaro a disposizione si sente obbligato a lasciare la partita anche con delle carte veramente buone per non rischiare di perdere tutto quello che ha).

Se nei cash game questo è possibile nei tornei tutti pagano un costo di iscrizione e tutti iniziano con lo stesso numero di fiche, per cui il gioco si fonda sulle abilità di ognuno. Si paga un costo di iscrizione e si ottengono delle fiche che hanno una corrispondenza in denaro. Le iscrizioni variano a seconda dei tornei ai quali si gioca, o a seconda delle poker room che organizzano il torneo (se si gioca a poker on-line) e possono richiedere pochi centesimi o anche una somma di denaro consistente o addirittura niente se si gioca a tornei free roll. Le iscrizioni, a parte una percentuale che viene sottratta, vanno a costituire il montepremi che viene distribuito a un numero di giocatori sul numero totale di iscritti e, ovviamente, sarà elevato in misura proporzinale alle vittorie conseguite.

In un torneo, dunque, ogni giocatore ha un uguale numero di fiche e una volta che le perde viene definitivamente eliminato, mentre il piccolo e grande buio ad ogni intervallo di tempo aumentano in modo da velocizzare il gioco e da causare l’eliminazione graduale dei partecipanti.

Per quanto riguarda il tavolo, se in un cash game a Texas Hold’em non si può essere più di dieci su di uno stesso tavolo, lo stesso si fa con i tornei nel senso che il numero degli iscritti viene diviso per i tavoli necessari e ogni volta che il numero dei partecipanti diminuisce (in seguito alle eliminazioni), il numero dei giocatori rimanenti viene ridistribuito sui restanti tavoli. Ogni “out player” (giocatore fuori) è un incremento delle possibilità di vittoria e un traguardo in più che si raggiunge.

Tuttavia, a seconda delle modalità di gioco di ogni avversario una partita in una sala da poker online potrebbe variare da poche a molte ore e i tornei finire in giornata o protrarsi per giorni. Per questo motivo dopo un certo intervallo di tempo c’è un considerevole incremento di piccolo e grande buio, proprio per smaltire più velocemente le partite. Al momento dell’iscrizione, ogni giocatore è perfettamente consapevole della durata del torneo e degli intervalli di tempo in cui SB (small blind o piccolo buio) e BB (big blind o grande buio) aumenteranno.

Ci sono comunque differenti opzioni di gioco: freeze out, in cui una volta finite le fiche si viene eliminati; double chance in cui si possono usare metà fiche all’inizio e a un certo punto della partita (quando si è in difficoltà) avere l’altra metà disponibile; rebuy, in cui è possibile acquistare altre fiche solo nei primi tre livelli di gioco.

Inoltre se in un cash game un giocatore può cambiare strategia a senda dell’abilità dell’avversario che ha di fronte, nei tornei bisogna avere la capacità non solo di condurre una singola partita, ma di riuscire a superare gli incrementi dei bui nei vari intervalli di tempo.

Ulteriore differenza tra cash game e torneo è che in una classica partita di Texas Hold’em, nella fase di showdown, mostra le carte solo chi ha puntato, mentre chi vede può tenerle nascoste o mostrarle solo se ha vinto, per non svelare la propria tattica di gioco. In un torneo invece è d’obbligo che le carte di entrambi i giocatori finalisti vengano mostrate al pubblico, il che genera più spettacolarità.

Tra i tornei più famosi il WSOP (World Series of Poker) che ha sede a Las Vegas ed è il più antico, il WPT (World Poker Tour) che si tiene nei più famosi casinò al mondo e l’ EPT (European Poker Tour).

This entry was posted in Texas Hold'em Poker and tagged texas holdem. Bookmark the permalink.

Comments are closed.